Cosa sono le Big Pharma e perché tutti ne parlano?

image_pdfSalva in PDF

Le Big Pharma sono sempre sotto i riflettori della stampa e dell’opinione pubblica. Spesso con un’inclinazione non sempre positiva, in alcuni casi c’è un vero e proprio accanimento contro il lavoro svolto dalle case farmaceutiche internazionali con il fatturato più importante.

Il punto: guadagni immensi, influenza sulla sanità e sul benessere delle popolazioni mondiali, creazione e diffusione di medicinali che possono salvare la vita. Proprio come avviene con i vaccini contro il Covid-19. Eppure oggi non possiamo farne a meno. 

Forse è proprio questo a creare grande attenzione – e in alcuni casi dubbi – intorno al tema delle Big Pharma. Ma è veramente così difficile trovare informazioni su queste multinazionali del farmaco? Parliamo di colossi senza volto o di aziende che lavorano per il bene della società? Ecco qualche informazione in più per approfondire questo tema così importante.

Cosa sono le famose Big Pharma, significato

Big Pharma è il nome usato, in senso critico e spesso dispregiativo, per intendere le case farmaceutiche internazionali. Sono aziende dai fatturati miliardari che operano nella produzione, commercializzazione e distribuzione di farmaci e medicinali in tutto il mondo.

Nel settore delle Big Pharma la caratteristica fondamentale è anche la ricerca. Chiaramente, alla base di tutto ciò si nasconde un retropensiero che include varie teorie del complotto e gettano ombre sul lavoro svolto da queste aziende anche in termini di influenza politica.

Quando si può parlare di Big Pharma?

Quando si definisce un sistema relativo all’industria farmaceutica mondiale, ma anche per definire la singola entità. Come la Johnson & Johnson o la Pfizer. Nella lista troviamo aziende che commercializzano dispositivi medici, dalle siringhe alle protesi dell’anca.

Caratteristiche delle realtà in questione: i profitti superano vette particolarmente elevate, parliamo di miliardi di dollari, e l’influenza va oltre i confini nazionali. Questo avviene con ricerca, produzione  e distribuzione dei farmaci ma anche di integratori alimentari. Spesso le Big Pharma sono caratterizzate da una lista corposa di multe e condanne internazionali.

Scopo ed evoluzione delle case farmaceutiche

Photo by Bee Naturalles on Unsplash

Perché c’è grande attenzione intorno al tema delle aziende farmaceutiche e, spesso, si arriva a parlare di Big Pharma in chiave negativa? Forse perché hanno la responsabilità di salvare la vita delle persone ma al tempo stesso generano una gran quantità di profitto.

In parte questo problema riguarda lo scopo ultimo delle attività in questione. Vale a dire il profitto che le Big Pharma generano per gestire un lavoro che riguarda non solo farmaci generici ma anche terapie avanzate come quelle per l’HIV. In più si aggiunge una gestione aggressiva del business model. Ecco cosa suggerisce questo white paper (pwc.com):

“Big Pharma’s traditional business model hinges on the ability to identify promising new molecules, test them in large clinical trials and promote them with an extensive marketing and sales presence. In the predominant version of this model, a single company may employ contractors to supplement its own efforts, but it seeks to generate profits on its own. It pursues what might be called a profit alone path”.

Il modello di business che ha caratterizzato il mondo delle Big Pharma dipendeva dalla capacità di identificare nuove tecnologie mediche, testare in grandi istituti sperimentali e promuovere il risultato con un intenso lavoro di marketing e vendita. L’obiettivo era quello di ottenere quanto più profitto possibile senza alcun contributo. Sono cambiati gli scenari?

Certo. I pazienti sono sempre più informati, vogliono cure specifiche e la domanda di medicina personalizzata è crescente. Così come cresce il bisogno di una politica dei prezzi sempre più flessibile, adeguata ai risultati e alla capacità di prevenire, non solo curare.

Photo by Aleks Marinkovic on Unsplash

Quali sono le principali Big Pharma in base al fatturato

Chiaramente c’è un punto da considerare: le Big Pharma, le grandi case farmaceutiche, hanno profitti stratosferici. Tendenzialmente possiamo identificare una lista di 10 grandi nomi internazionali di aziende che operano nel settore della ricerca e distribuzione farmaceutica. Le revenue indicate al lato del nome sono per miliardi di dollari nell’anno 2020:

  • Johnson & Johnson (82.58).
  • Sinopharm (69.50).
  • Roche (64.60).
  • Bayer (49.99).
  • Novartis (48.66).
  • Merck & Co (47.99).
  • GlaxoSmithKline (46.52).
  • AbbVie (45.78).
  • Sanofi (43.21).
  • Bristol Myers Squibb (42.52).

Questa è la lista delle principali case farmaceutiche per volume di affari secondo la lista di Wikipedia (Largest Biomedical Companies by Revenue) confermata dai documenti ufficiali delle aziende in cui dichiarano i redditi relativi ai profitti ottenuti negli ultimi anni. 

C’è da aggiungere che dopo questa top ten troviamo la famosa Pfizer che produce anche il vaccino contro il Covid-19 oltre a farmaci piuttosto noti come il Viagra e lo Zithromax.

L’industria farmaceutica: il loro ruolo nel mondo

Esistono malattie e problemi fisici che dobbiamo affrontare e vincere. Sappiamo questo: i vaccini hanno permesso di eliminare dalla nostra vita quotidiana malattie che avrebbero potuto distruggere la civiltà contemporanea. Come il colera e la poliomielite. E anche in questi casi più documentati e controllati c’è bisogno di verifiche continue, approfondite:

“The continuing occurrence of vaccine-associated paralysis (six or seven reported cases per year, 1980-1982) indicates the necessity, despite the accomplishments, for continued review of the current vaccination strategy”.

Questo secondo il noto sito di ricerca medica Pubmed. Anche per vaccini come quelli per la poliomielite si verificano controindicazioni spiacevoli. Per questo c’è un continuo bisogno di studio, ricerca, approfondimento. Le Big Pharma, le cause farmaceutiche internazionali, hanno il potere di fare questo. Ci sono dei coni d’ombra rispetto al lavoro delle aziende?

Non tutto è chiaro e cristallino? Difficile dirlo, per ora noi sappiamo che il lavoro delle aziende specializzate in ricerca medica, produzione e distribuzione dei farmaci è indispensabile. Speriamo che nel futuro il lavoro sarà sempre più sostenibile.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookies di profilazione. Continuando nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookies esclusivamente per finalità statistiche. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi