Covid-19 e insufficienza cardiaca acuta

Sin dall’inizio della pandemia da Covid-19 molte società scientifiche e centri di eccellenza hanno lanciato dei campanelli di allarme in merito ad una diminuzione del numero di cure specialistiche, indicando come la stessa malattia da Covid-19 potesse aumentare il numero di morti collaterali non specificamente legati alla malattia, ma dovute alla congestione degli ospedali e del timore dei pazienti nel recarsi alle visite programmate.

Tale rischio andava ad affiancarsi all’osservazione, ormai quotidiana e statisticamente accertata, dell’aumento della mortalità nei pazienti fragili, anziani e con varie comorbilità.

Lo studio ESC

Oggi, grazie ad un recente studio monocentrico pubblicato lo scorso 7 Gennaio su ESC Heart Failure, viene acclarato come l’insufficienza cardiaca acuta possa raddoppiare il rischio di morte nei pazienti colpiti da Covid-19.

Dura Lex sed Lex - Accesso riservato

Questa pagina è visualizzabile solo da personale medico…. La norma prescrive che vi sia un filtro per le pagine contenenti dati su cure, indicazioni terapeutiche o contenuti simili. Iscriviti gratuitamente oppure, se già iscritto effettua il log in per leggere il resto del contenuto.

Questo sito utilizza cookies di profilazione. Continuando nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookies esclusivamente per finalità statistiche. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi