Covid-19: danno cardiaco riscontrato in più della metà dei pazienti dimessi dall’ospedale

Che ci fosse una correlazione tra infezione da COVID-19 e danni cardiaci, è apparso evidente già dai primi mesi dall’inizio di questa pandemia. Dai primi dati provenienti dalla Cina a fine Febbraio 2020, si evidenziava la presenza di problemi cardiovascolari rilevanti nei pazienti colpiti da COVID-19.

Molti studi pubblicati recentemente evidenziano come in circa il 20-25% dei pazienti ospedalizzati con forme severe di COVID-19 si evidenzi un danno miocardico acuto come dimostrato da un incremento degli enzimi di miocardionecrosi (1-2-3).

Pazienti con malattie cardiovascolari sviluppano forme più gravi di Covid-19 e la mortalità è aumentata. In particolare, la mortalità per Covid-19 nei pazienti con malattia cardiovascolare è 11%, ovvero è aumentata di ben cinque volte rispetto ai pazienti senza malattia cardiovascolare, 7% nei diabetici e 6% negli ipertesi.

Dura Lex sed Lex - Accesso riservato

Questa pagina è visualizzabile solo da personale medico…. La norma prescrive che vi sia un filtro per le pagine contenenti dati su cure, indicazioni terapeutiche o contenuti simili. Iscriviti gratuitamente oppure, se già iscritto effettua il log in per leggere il resto del contenuto.

Questo sito utilizza cookies di profilazione. Continuando nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookies esclusivamente per finalità statistiche. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi