Depressione: le possibili cause e le possibili cure

image_pdfSalva in PDF

Anche se la depressione è una condizione umana che presenta ancora tanti punti oscuri essa è al tempo stesso particolarmente diffusa nella nostra società e riguarda praticamente tutta la popolazione, dagli adulti ai bambini ma anche gli anziani. Sia uomini che donne.

Purtroppo, nel tempo, il termine in questione è stato utilizzato in modo errato, a volte per indicare una semplice tristezza o una situazione di stress emotivo o fisico. In realtà oggi sappiamo che la depressione ha dei sintomi, delle condizioni, di sofferenza psicofisica, che possono altresì sfociare in condizioni a danno di organi vitali, come il cuore.

La depressione non può e non deve essere affrontata con superficialità perché le conseguenze potrebbero essere particolarmente gravi. E, soprattutto, si collegano anche ad altre patologie o a condizioni particolari della propria vita. Cosa sapere in più?

Cos’è la depressione, definizione

La depressione – nota come disturbo depressivo maggiore – è una condizione che incide sul normale scorrere della propria giornata. Il soggetto affetto da depressione viene coinvolto in uno stato di tristezza e apatia nei confronti dello svolgimento delle attività. 

L’interesse diminuisce, scompare ogni piacere e coinvolgimento. Come suggerisce l’American Psychiatric Association la depressione è curabile, ecco una definizione:

“Depression causes feelings of sadness and/or a loss of interest in activities you once enjoyed. It can lead to a variety of emotional and physical problems and can decrease your ability to function at work and at home”.

Cercando di riassumere, la depressione provoca sentimenti di tristezza e perdita di interesse per le attività che una volta erano piacevoli. Può provocare problemi emotivi e fisici e può incidere sulle prestazioni lavorative ma anche sugli equilibri domestici e sociali.

Quanti tipi di depressione esistono?

La scienza medica ha individuato diverse forme di depressione. Una delle più note è la depressione maggiore (disturbo unipolare) che può durare anche diversi anni. Se il disturbo depressivo supera i due si può definire disturbo depressivo persistente. 

Molte donne vengono colpite dalla depressione perinatale, condizione poco grave rispetto alla depressione post-parto che si manifesta dopo la nascita di un bambino con condizione di tristezza, ansia e stanchezza. Altra tipologia di depressione particolarmente nota è quella affettivo stagionale che si conferma nei mesi invernali e si allevia in primavera/estate.

Quali sono le cause della depressione

Le cause specifiche della depressione non sono note. D’altro canto nimh.nih.gov suggerisce una combinazione di fattori genetici, biologici, ambientali e psicologici. Alcune persone possono cadere in depressione a seguito di un evento traumatico, un lutto o una separazione. Altre invece si ammalano a causa di un forte stress lavorativo o familiare.

Esistono delle cause dirette molto evidenti, almeno a un’occhiata rapida, come ad esempio la perdita di un familiare, l’avvento di una malattia grave o una separazione. In altri casi, invece, non c’è alcuna causa apparente o magari il disturbo si manifesta a seguito di un accadimento che dovrebbe essere tutt’altro che drammatico come la nascita di un bambino.

Quali sono, invece, i sintomi?

Essendo la depressione una condizione estremamente variegata, i sintomi sono diversi e  difficili da inquadrare. Possiamo inserire nella lista delle possibili esperienze sintomatologiche sia disturbi cognitivi che psicomotori e relazionali:

  • Umore triste.
  • Senso di ansia persistente.
  • Condizione di vuoto interiore.
  • Cambiamenti nell’appetito.
  • Problemi a stare seduti o fermi.
  • Perdita o aumento di peso importante.
  • Difficoltà a concentrarsi e a prendere decisioni.
  • Pessimismo e irritabilità.
  • Problemi intestinali, mal di testa.
  • Sonno eccessivo, difficoltà ad alzarsi la mattina.
  • Insonnia, difficoltà a prendere sonno.
  • Perdita di interesse o piacere.
  • Diminuzione di energia o affaticamento.

Come si può ben capire a volte i sintomi passano da un estremo all’altro e possono essere di intensità variabile. La condizione più grave può portare a pensieri di morte, incapacità di uscire di casa o di alzarsi dal letto e al tentativo di suicidio. I sintomi possono variare in base alla gravità della condizione e al soggetto: non tutti i sintomi devono essere presenti.

Come curare la depressione

In primo luogo dobbiamo suggerire che la depressione, come anche altre malattie della psiche, può essere trattata con successo. Si può guarire dalla depressione.
Sempre l’American Psychiatric Association suggerisce un dato per avere coscienza della condizione:

“Depression is among the most treatable of mental disorders. Between 80% and 90% percent of people with depression eventually respond well to treatment. Almost all patients gain some relief from their symptoms”. 

La depressione è tra i disturbi mentali più curabili. Circa l’80/90% delle persone con depressione risponde bene al trattamento. Quasi tutti i pazienti ottengono un sollievo nel momento in cui si sottopongono alla giusta combinazione di cure. Perché esistono modi diversi per affrontare la depressione dal punto di vista medico. 

La psicoterapia può essere d’aiuto per una sintomatologia lieve, per una depressione con sintomi lievi e di breve durata. Una condizione più grave può essere affiancata dal supporto dei farmaci antidepressivi. Ma tutto sempre dopo un’attenta valutazione diagnostica.

Valutazione che può comprendere in fasi differenti, un colloquio e alcuni esami fisici. In alcuni casi, potrebbe essere necessaria anche l’analisi del sangue. La depressione, infatti, potrebbe essere legata anche a un problema alla tiroide o alla carenza di vitamine.

Cosa possiamo fare per chi soffre di depressione

In primo luogo non bisogna sminuire la condizione depressiva.
Chi soffre di depressione deve essere seguito da un professionista, uno psicologo e uno psicoterapeuta in base alla singola condizione. Solo chiedendo aiuto a un professionista, in grado di definire la cura personalizzata, è possibile rientrare nei casi di guarigione dalla depressione.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookies di profilazione. Continuando nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookies esclusivamente per finalità statistiche. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi