assorted food to avoid for diabetics

La qualità della dieta nel paziente affetto da scompenso cardiaco durante la pandemia

Prof. Claudio Ferri – Dr.ssa Livia Ferri

   Per quanto diversi miglioramenti si intravedano ormai all’orizzonte, il tasso di re-ospedalizzazione legato allo scompenso cardiaco è ancora elevatissimo [Kardiologiia. 2020;60(3):59-69]. In questo ambito, un ruolo – sicuramente secondario rispetto a farmaci e procedure, ma non per questo da considerare trascurabile – è legato allo stile di vita del paziente affetto da scompenso cardiaco. All’interno di ciò, la dieta gioca un ruolo sicuramente fondamentale, certo particolarmente per quanto attiene il contenuto salino, ma anche per ciò che riguarda la componente calorica mediamente introitata ogni giorno e la qualità dei macronutrienti e micronutrienti [Prog Cardiovasc Dis. 2020;63(5):538-551].

In accordo con questo ruolo cruciale svolto dalla correttezza della dieta nel paziente scompensato, molto è stato investigato e scritto sulle molte ricadute negative che la pandemia ha generato nei confronti dei pazienti cardiopatici e del loro corretto stile di vita, soprattutto relativo all’alimentazione [Nutrients. 2020;12(6):1549]. Non c’è dubbio, infatti, che avere minori possibilità di svolgere attività fisica, stare in casa con la conseguente maggiore facilità di accedere ai cibi – inclusi purtroppo quelli non salubri – ed un certo stato di ansia/depressione abbiano influito negativamente sull’apparato cardiovascolare.

Dura Lex sed Lex - Accesso riservato

Questa pagina è visualizzabile solo da personale medico…. La norma prescrive che vi sia un filtro per le pagine contenenti dati su cure, indicazioni terapeutiche o contenuti simili. Iscriviti gratuitamente oppure, se già iscritto effettua il log in per leggere il resto del contenuto.

Please accept [renew_consent]%cookie_types[/renew_consent] cookies to watch this video.