Per un invecchiamento equilibrato, positivo, felice

Con questo articolo cominciamo una rubrica che proporrà una serie di estratti dal libro “Senior – L’arte del saper invecchiare“, di Luciano Peirone ed Elena Gerardi. Qui è possibile leggere tutti gli estratti dal libro
Il libro è disponibile gratuitamente in versione PDF cliccando qui, mentre è possibile visitare il sito internet dedicato al libro a questo indirizzo:  https://www.senior-lartedelsaperinvecchiare.it

L’umanità e la sua capacità nel dar vita a “significativi” progetti

copertina del libro Senior - L'arte di saper invecchiare
La copertina del libro

Terza età… Quarta età… Invecchiamento…

     Qual è il senso del presente libro? Oggi come ieri (e, si spera, come domani) il senso/significato risiede in una specifica saggezza: nel suo amore per il sapere e per la cultura, una saggezza che ha origini lontane nel tempo, che emerge dalla storia dell’umanità, ma che al tempo presente viene confermata e rafforzata sia da una nuova realtà della terza fase della vita sia dal decisivo contributo scientifico della sempre più attuale, efficace e diffusa psicologia della salute e del benessere.

     Ecco i pilastri per capire il senso della odierna terza età e di un invecchiamento che sappia essere equilibrato, positivo, felice.

     La storia come passato, e non solo… Il passato (che non è “passato/superato”, ma è sempre vivo e vitale) e il presente: entrambi che sono preludio al futuro.

     L’umanità che invecchia/invecchierà è chiamata a disegnare e costruire un particolare “progetto esistenziale” fondato sulle parole-chiave “cultura e salute”: un ventaglio di indicazioni ad ampio respiro, “istruzioni per l’uso” per organizzare la vita in generale e la quotidianità di chi sta vivendo (o sta per cominciare a vivere) gli anni della terza età (e anche oltre…).

     Cultura “per” la terza età (e, adottando una classificazione più dettagliata, anche per la quarta e talvolta persino per la quinta età…) vuol dire informazione, sensibilizzazione, prevenzione, educazione, promozione e salute: soprattutto psico-promozione del ben-essere e dell’apprendere a star bene.

     Questi sono gli strumenti di base per dispiegare la “forza argentata” (che talvolta si cela in ognuno di noi, come silente potenzialità!). In particolare, con questi metodi si cerca di raggiungere alcuni obiettivi di primaria importanza:

  • stimolare profonde riflessioni per star bene e meglio durante la terza età e per prepararsi all’invecchiamento successivo;
  • sottolineare le grandi potenzialità interiori (non di rado inespresse), perché in questa fase della vita il sapere può svolgere un ruolo benefico e determinante sia per questa generazione sia per tutte le altre (figli e nipoti; genitori e nonni; bambini, adolescenti, giovani, adulti, anziani e vecchi);
  • costruire un percorso finalizzato a conseguire gli scopi fondamentali della terza età: conoscenza, partecipazione, socializzazione, saggezza, salute, benessere, serenità;
  • puntualizzare ruolo, funzione e metodi dell’Invecchiamento Attivo e Salutare nella creazione del “soggetto Senior” (vale a dire un individuo autenticamente “Persona”, consapevole e responsabile del proprio – e altrui – “destino”).

     La vita, con le sue esperienze, per l’appunto “vissute”. La vita, con le conoscenze: quelle acquisite e quelle ancora acquisibili. La vita, con la capacità (o meno) di stare in equilibrio nel passare del tempo.

     Le principali parole-chiave già dicono l’essenziale. “Saggezza d’argento”… L’argento dei capelli sta a testimoniare il passare del tempo, l’esperienza e l’insieme “sapere-sapienza-saggezza”. Argento: simbolo e fonte di solidità e preziosità per il Senior quale soggetto partecipante, protagonista, attivo e “di successo”.

Cultura, età, ageing

Cosa si intende per “cultura”? Non tanto l’elevato livello di istruzione raggiunto e la grande quantità di informazioni possedute, quanto:

  • il “coltivare”, nel senso di “aver cura, porre cura”;
  • l’assunzione di responsabilità;
  • la presenza, la ricerca e la trasmissione del “senso”;
  • l’attribuzione di significati;
  • l’insieme di usi, costumi e consuetudini;
  • l’insieme di conoscenze, pseudo-conoscenze, giudizi, pre-giudizi, norme;
  • l’insieme di credenze, convinzioni, tradizioni e innovazioni;
  • la creazione-conservazione di valori “fondanti”;
  • il tipo di mentalità / forma mentis;
  • le speranze e le aspettative;
  • la focalizzazione di vari “perché esistenziali”;
  • la propensione alla relazionalità;
  • la tendenza pro-sociale e lo scambio interattivo;
  • il “sentire” condiviso;
  • l’individuazione di fini e mezzi;
  • la volontà e la capacità di progettare-costruire;
  • il desiderio di apprendere e migliorare;
  • la motivazione ad essere e a fare;
  • l’educazione e la crescita umano-umanistica.

     Tutto questo, pertanto, costituisce “Cultura” e, in larga parte, anche “Civiltà, Civilizzazione” (proprio con le lettere iniziali maiuscole).

     Max Weber pone l’azione dotata di senso al centro delle scienze umano-sociali. La cultura inevitabilmente converge con tale puntualizzazione.

     L’azione (quale essa sia) possiede un senso; la vita possiede un senso. La presenza di senso dirige verso la salute; l’assenza di senso spinge verso il malessere e la malattia.

     Le fasce di età (nessuna esclusa!) sono caratterizzate dalla questione del “senso delle cose”. L’Invecchiamento Attivo e Salutare (per l’appunto, l’invecchiamento incentrato su azione e salute: AHA. Active and Healthy Ageing) presuppone e implica il “senso” (anche nelle grezze forme dell’implicito, dell’inconsapevole, dell’inconscio).

     La Cultura  si intreccia con l’Età e con il suo progredire nel Tempo.

Bibliografia

  1. Baltes, P. B., & Baltes, M. M. (Eds.) (1990). Successful aging. Perspectives from the behavioral science. New York, NY: Cambridge University Press.
  2. Cesa-Bianchi, M., & Cristini, C. (2009). Vecchio sarà lei! Muoversi, pensare, comunicare. Napoli: Guida.
  3. Peirone, L., & Gerardi, E. (2009). Il sole della sera. La ricerca del benessere nella terza età e non solo… Torino: Antigone Edizioni.