Lesione miocardica dopo la vaccinazione con m-RNA Pfizer per COVID-19

Un caso clinico

INTRODUZIONE

La pandemia dovuta al coronavirus Sars Cov -2 è stata così aggressiva che per la prima volta la comunità scientifica internazionale ha approvato la vaccinazione a RNA per questo [1]. Dopo la recente somministrazione di questo tipo di vaccini a RNA, molteplici agenzie farmacologiche e la comunità scientifica hanno avviato un'attenta analisi degli effetti collaterali a breve e lungo termine di questi vaccini una volta somministrati a livello di popolazione [2]. Eventi trombotici dopo vaccinazioni con mRNA sono stati segnalati tra gli effetti collaterali più temibili [3,4].

Sebbene non comunemente riportato, il danno miocardico è stato segnalato come un possibile importante effetto collaterale della vaccinazione COVID-19 [5]. Questo grave effetto collaterale è stato segnalato solo dopo la seconda dose del vaccino e il meccanismo patogenetico non è ancora chiaro. La risonanza magnetica (MRI) è della massima importanza per la diagnosi di miocardite [6], ma a causa della limitata disponibilità non può essere certamente eseguita a livello di popolazione in tutti i pazienti con febbre e dolore toracico dopo questa vaccinazione, ma solo in casi limitati e casi altamente sospetti. Riportiamo qui la nostra esperienza su un caso di danno miocardico dovuto a iperinfiammazione dopo vaccinazione con mRNA COVID-19.

CASO CLINICO

Una ragazza di 27 anni è stata ricoverata nel nostro reparto di medicina interna lamentando febbre. Era un soggetto altrimenti sano, senza alcun fattore di rischio o alcuna storia di malattie precedenti. Cinque giorni dopo la prima vaccinazione con Pfizer, lamentava febbre (37,5 °C) da 24 ore. Gli esami del sangue erano entro i limiti normali. I globuli bianchi erano ­10500/mm3 (neutrofili 72%). Sono stati eseguiti un ECG e un ecocardiogramma ed entrambi sono risultati normali. È stata iniziata una terapia con prednisone alla dose di 50 mg/die, ma dopo 10 giorni con febbre che persisteva nonostante la terapia medica, è stata eseguita una risonanza magnetica. La risonanza magnetica ha dimostrato un tipico pattern di danno miocardico (Figura 1). Quindi, abbiamo iniziato un trattamento a lungo termine con alte dosi di prednisone (100 mg/die) e terapia antibiotica con levofloxacina. Dopo 10 giorni di trattamento (20 giorni dopo la vaccinazione), la febbre è scomparsa e, dopo altri 10 giorni, una nuova risonanza magnetica cardiaca ha dimostrato la normalizzazione del cuore.

Dura Lex sed Lex - Accesso riservato

Questa pagina è visualizzabile solo da personale medico…. La norma prescrive che vi sia un filtro per le pagine contenenti dati su cure, indicazioni terapeutiche o contenuti simili. Iscriviti gratuitamente oppure, se già iscritto effettua il log in per leggere il resto del contenuto.

Questo sito utilizza cookies di profilazione. Continuando nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookies esclusivamente per finalità statistiche. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi