Guida alle Linee Guida ESC/EAS 2019 per il management delle dislipidemie

Ogni anno, in Europa, le malattie cardiovascolari (CVD), in primo luogo la CVD aterosclerotica, sono responsabili di oltre quattro milioni di decessi. Studi prospettici, studi randomizzati e studi di randomizzazione mendeliana hanno tutti, ugualmente dimostrato che l'aumento di C-LDL è una causa prevalente di atherosclerotic cardiovascular disease (ASCVD) e che, parimenti, la riduzione degli eventi cardiovascolari correla linearmente con la riduzione dei livelli di colesterolo LDL, senza una soglia inferiore (almeno fino a 35 mg/dl).

 La riduzione proporzionale del rischio di ASCVD ottenuta abbassando il C-LDL (ad es. con una statina, ezetimibe o un inibitore del PCSK9) dipende dalla riduzione assoluta del C-LDL, e, per ogni riduzione di 40 mg/dl corrisponde una riduzione di circa un quinto (20%) in ASCVD. (1,2,3). Purtroppo, nonostante i grandi progressi ottenuti nello sviluppo di nuove molecole attive nel ridurre il C-LDL, raggiungere gli specifici target, soprattutto nei pazienti a rischio elevato o molto elevato, è decisamente molto difficile. 

Le nuove linee guida ESC/EAS forniscono raccomandazioni aggiornate su come modificare i livelli dei lipidi plasmatici attraverso lo stile di vita ed i farmaci per ridurre il rischio di CVD aterosclerotica, in funzione del rischio cardiovascolare totale e dei livelli basali di LDL. 

Dura Lex sed Lex - Accesso riservato

Questa pagina è visualizzabile solo da personale medico…. La norma prescrive che vi sia un filtro per le pagine contenenti dati su cure, indicazioni terapeutiche o contenuti simili. Iscriviti gratuitamente oppure, se già iscritto effettua il log in per leggere il resto del contenuto.

Please accept [renew_consent]%cookie_types[/renew_consent] cookies to watch this video.