Mancate aderenza e persistenza in terapia delle malattie cardiovascolari

Effetti negativi nella prevenzione

Claudio Ferri e Rita del Pinto
Università dell’Aquila – Dipartimento MeSVA

La corretta prevenzione delle malattie cardiovascolari è fondata – tanto se si voglia evitare la comparsa di un fattore di rischio cardiovascolare maggiore, quanto se lo si debba correggere quando già presente – su alcuni elementi fondamentali:

  • adozione di uno stile di vita corretto, particolarmente in termini di dieta sana, attività fisica
    costante ed evitamento o risoluzione di situazioni ansiogene e/o stressanti;
  • prevenzione della comparsa o normalizzazione dei fattori di rischio cardiovascolare maggiori
    eventualmente presenti;
  • prevenzione della comparsa o normalizzazione dei fattori di rischio cardiovascolare minori
    eventualmente presenti;
  • prevenzione, miglioramento e cura delle condizioni mediche e non mediche
    influenzanti il rischio cardiovascolare (inerenti, quindi, tanto la eventuale presenza di
    comorbidità, quanto la sussistenza di un contesto socio-economico e/o familiare sfavorevole);
  • terapia antiaggregante;
  • terapia anti-infiammatoria (?)

Grazie a tutti questi elementi, il treno della prevenzione cardiovascolare primaria e secondaria dovrebbe essere puntualissimo ed attenuare in modo significativo la morbilità e mortalità legate alle patologie cardiovascolari, ovunque esse siano localizzate.

Dura Lex sed Lex - Accesso riservato

Questa pagina è visualizzabile solo da personale medico…. La norma prescrive che vi sia un filtro per le pagine contenenti dati su cure, indicazioni terapeutiche o contenuti simili. Iscriviti gratuitamente oppure, se già iscritto effettua il log in per leggere il resto del contenuto. Se questo messaggio dovesse apparire anche dopo aver effettuato il login, sarà semplicemente necessario aggiornare la pagina e sarà completamente visibile