Meteoropatia, cosa significa e quali sono le possibili ripercussioni

image_pdfSalva in PDF

Spesso si parla di meteoropatia con discreta superficialità, come se si potesse semplicemente archiviare questa condizione come un capriccio. In realtà non è così.

Stiamo parlando di un disturbo psicofisico che può compromettere anche profondamente la vita delle persone che sono affette da questa influenza legata alla variabilità del meteo.

Proprio perché spesso viene sottovalutata, la meteoropatia spesso viene diagnosticata in ritardo. Questo comporta non solo perdita di tempo ma anche sofferenze spesso sottovalutate. Ma di cosa stiamo parlando esattamente? Cosa bisogna sapere oltre al fatto che le persone affette si lasciano influenzare dalla presenza o meno della pioggia?

Cos’è la meteoropatia, definizione

Con questo termine intendiamo disturbi (noti anche come weather pains oppure weather-related pain) che coinvolgono lo spettro fisico e psichico dell’uomo nel momento in cui si verificano fenomeni climatici. Ma anche quando si manifestano evoluzioni stagionali. In realtà i sintomi si registrano anche con variazioni giornaliere. Come sottolinea ncbi.nlm.gov:

“Every day, some people report their health deterioration or some new symptoms they associate with changes in weather—such as temperature, humidity, cloudiness or atmospheric pressure changes”.

Le persone associano condizioni patologiche e di sofferenza sia psichica che fisica a cambiamenti del tempo come quelli che abbracciano temperatura, umidità, nuvolosità. 

Appare logico considerare che una condizione del genere, nel momento in cui diventa patologica e ricorrente, può facilmente minare la qualità della vita individuale.

Cause e soggetti colpiti dalla meteoropatia

Al momento, anche se ci sono diversi studi che lavorano in questa direzione, ancora non si conoscono le cause della meteoropatia anche se si può ipotizzare che ci sia una connessione tra i livelli di serotonina prodotti, la luce del sole e gli stati umorali. 

Di sicuro i disturbi della meteoropatia sono più presenti in alcuni soggetti deboli, anziani, adolescenti. Secondo europepmc.org le persone con disturbi neurologici come ansia, stress, ipertensione. Senza dimenticare quelli con malattie coronariche e ipertiroidismo.

Quanti tipi di meteoropatia abbiamo?

Spesso la meteoropatia viene confusa con semplice e isolato malessere passeggero. Tutto ciò anche se si possono definire delle specifiche alterazioni in relazione a singoli episodi. 

Questo è il caso dell’anemopatia, l’effetto dei venti sull’umore, o della sindrome dei periodi temporaleschi che coincide con la comparsa di cefalee e irritabilità con le perturbazioni.

La meteoropatia, però, può assumere condizioni più gravi. In questo caso parliamo di SAD. Ovvero Seasonal Affective Disorder, una vera depressione lieve che ha le caratteristiche della stagionalità. Quindi si presenta puntualmente con l’arrivo del periodo autunnale e invernale, in particolar modo con la diminuzione di luce e l’accorciarsi della giornata.

Sintomi e incidenza sulla popolazione

I disturbi della meteoropatia variano rispetto al tipo di condizione che investe il singolo ma possiamo registrare soprattutto un aumento degli stati depressivi accompagnati da debolezza fisica e altri stati debilitativi del corpo e della mente. Come, ad esempio:

“Hypertension, cephalea, a desire to remain indoors, increased susceptibility to pain in the joints and muscles, difficulty in breathing and a heavy feeling in the stomach. There may also be mood disturbances, irritability and symptoms in the cardiovascular system, such as palpitations or pain in the sternum”.

Il sito midss.org ci ricorda che la meteoropatia sviluppa sintomi lievi – spesso trascurabili – come il mal di testa, l’irritabilità e la sensibilità rispetto ai dolori articolari ma anche segnali di allarme che possono preoccupare le persone con una salute compromessa. 

Ad esempio si possono registrare disturbi dell’umore, irritabilità e sofferenza del sistema cardiovascolare come palpitazioni o dolore allo sterno. Questi sintomi durano uno o due giorni e possono essere collegati anche a condizioni problematiche della salute cardiaca.

Come prendersi cura della propria salute

Il punto da mettere in evidenza: il soggetto meteoropatico non deve essere sottovalutato nella sua esternazione dei sintomi. Perché possono collegarsi a patologia più gravi 

E con esito difficili da prevedere. Ad esempio, depressione e problemi di cuore sono due elementi che viaggiano su strade che tendono a incrociarsi. Ciò significa peggiorare lo scenario come suggerisce l’articolo di nhlbi.nih.gov/heart-disease-and-depression.

“Researchers have discovered that depression actually worsens the prognosis—and dramatically. Conversely, people who are diagnosed with heart disease have an increased risk of developing depression. It’s two-way relationship. The prevalence of depression among cardiac patients ranges from 20 to 30 percent. Even the lower limit of this ranges is more than double the prevalence of this treatable condition in the general population”.

La sintesi di questo passaggio? Le persone con una malattia cardiaca hanno un rischio maggiore di sviluppare la depressione. Che a sua volta influenza negativamente la prognosi. 

La presenza di stati depressivi tra i pazienti cardiopatici varia dal 20 al 30 percento. Questo significa prendere sul serio anche gli elementi collaterali che tendono a  influenzare queste dinamiche. Come, ad esempio, la condizione vissuta da chi soffre di meteoropatia.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: