Nuove possibili strategie terapeutiche per ridurre i livelli di Lp(a)

La lipoproteina(a) (Lp[a]) è un importante fattore di rischio per le malattie cardiovascolari su base aterosclerotica.
Con il suo diametro <70 nm, infatti, è in grado di fluire liberamente attraverso la barriera endoteliale, dove può essere trattenuta all'interno parete arteriosa contribuendo alla formazione della placca aterosclerotica. Gli effetti pro-aterogeni della Lp(a) sono stati inoltre attribuiti ai possibili effetti pro-coagulanti e pro-infiammatori.
Nonostante queste conoscenze ad oggi non ci sono specifici trattamenti approvati per ridurre i livelli di Lp(a).

Una “Preliminary Communication” pubblicata su JAMA a maggio 2022 ha mostrato i risultati si uno studio condotto in 5 centri di ricerca clinica negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in Australia per valutare gli eventi avversi e la tollerabilità di un breve RNA interferente (siRNA) SLN360 progettato per ridurre la produzione epatica di Lp(a)

Obiettivo secondario dello studio è stato quello di valutare le modifiche dei livelli plasmatici di Lp(a) indotte dalle differenti dosi del siRNA al follow-up massimo di 150 giorni.

Dura Lex sed Lex - Accesso riservato

Questa pagina è visualizzabile solo da personale medico…. La norma prescrive che vi sia un filtro per le pagine contenenti dati su cure, indicazioni terapeutiche o contenuti simili. Iscriviti gratuitamente oppure, se già iscritto effettua il log in per leggere il resto del contenuto. Se questo messaggio dovesse apparire anche dopo aver effettuato il login, sarà semplicemente necessario aggiornare la pagina e sarà completamente visibile