Disegno e razionale dello studio CLEAR-Outcomes

Nel paziente intollerante alle statine

In un recente volume dell’American Heart Journal è stato pubblicato il razionale ed il disegno dello studio Cholesterol Lowering via Bempedoic acid, an ACL-Inhibiting Regimen (CLEAR) nel paziente intollerante alle statine (1)

Razionale

I dati a favore della lesività del colesterolo LDL e l’efficacia delle statine nel ridurre tanto la colesterolemia LDL, quanto gli eventi cardiovascolari maggiori sono innumerevoli (1). In merito a ciò, tuttavia, altrettanto innumerevoli sono gli argomenti a favore dell’efficacia incompleta delle statine nella vita reale, soprattutto perché prescritte in modo incongruo e/o discontinuate a causa di effettivi o presunti eventi avversi, soprattutto muscolari (2).

In questo specifico ambito clinico, noto come “statino-intolleranza”, esiste la ovvia possibilità di prescrivere ezetimibe e/o gli inibitori di PCSK9 e, in un prossimo futuro, anche inclisiran oppure evinacumab (3,4). Nel primo caso, tuttavia, l’efficacia di ezetimibe è limitata e non dose-dipendente. Come singolo esempio, in un trial di successo come l’ Improved Reduction of Outcomes: Vytorin Efficacy International Trial (IMPROVE-IT), ezetimibe aggiunta a simvastatina ha ridotto di soli ulteriori 20 mg/dL circa il valore mediano di LDL (5) (Figura). Un risultato eccellente, ma spesso non sufficiente nel garantire il raggiungimento dei valori target di LDL colesterolemia.

Dura Lex sed Lex - Accesso riservato

Questa pagina è visualizzabile solo da personale medico…. La norma prescrive che vi sia un filtro per le pagine contenenti dati su cure, indicazioni terapeutiche o contenuti simili. Iscriviti gratuitamente oppure, se già iscritto effettua il log in per leggere il resto del contenuto. Se questo messaggio dovesse apparire anche dopo aver effettuato il login, sarà semplicemente necessario aggiornare la pagina e sarà completamente visibile