Efficacia dei farmaci ipolipemizzanti negli anziani

Il costante incremento della popolazione di età pari o superiore a 75 anni e la necessità di ridurre il rischio di eventi avversi cardiovascolari hanno portato all’attenzione della comunità scientifica la gestione del trattamento ipolipemizzante negli anziani, per anni sottovalutato a causa dell’aumentata incidenza degli eventi avversi associati a tale trattamento rispetto ai pazienti più giovani e alla scarsa rappresentanza di questa sottopopolazione nei trial clinici randomizzati.

Una review con metanalisi pubblicata su Lancet a novembre 2020 ha aggiunto nuove prove a sostegno dell’efficacia e della sicurezza della terapia ipolipemizzante volta a ridurre il valore del colesterolo LDL (LDL-C) nei pazienti anziani.

Lo studio

Questa metanalisi ha coinvolto 21492 pazienti di età pari o superiore a 75 anni arruolati nei trial clinici randomizzati che hanno valutato l’efficacia sugli outcomes cardiovascolari di un farmaco utilizzato per ridurre i livelli di LDL-C raccomandato dalle Linee Guida ACC/AHA 2018, con un follow-up medio di almeno 2 anni.

Dura Lex sed Lex - Accesso riservato

Questa pagina è visualizzabile solo da personale medico…. La norma prescrive che vi sia un filtro per le pagine contenenti dati su cure, indicazioni terapeutiche o contenuti simili. Iscriviti gratuitamente oppure, se già iscritto effettua il log in per leggere il resto del contenuto.

Please accept [renew_consent]%cookie_types[/renew_consent] cookies to watch this video.