Acido Bempedoico: efficacia terapeutica ed effetti collaterali

Le sfide proposte dalla società europea di cardiologia nella riduzione del colesterolo LDL a livelli molto bassi( al di sotto del 55 MG su decilitro o sotto 40 mg su decilitro nelle popolazioni a rischio estremamente elevato con recidiva di eventi ischemici) ci impongono di avere differenti terapie contro la dislipidemia. La stessa dislipidemia oggi va guardata un po’ come si fa con l’ipertensione arteriosa: più farmaci, più molecole, maggiori possibilità di arrivare a target. È quindi importante avere nel nostro armamentario terapeutico quante più armi a disposizione. Anche l’acido bempedoico, da solo a 180 MG, o nella sua associazione fissa con l’ezetimibe è una delle ultime possibilità inserite nella terapia della dislipidemia.

Ce ne parla il Dott. Mauro Feola, Cardiologo presso il presidio ospedaliero di Mondovì (CN)

clicca qui per vedere tutti i video di puntocuore